Un blog

È un po’ di tempo che ragiono su come aprire un blog e gestirlo … avevo iniziato con un altro diversi anni fa, poi però ho perso un po’ la voglia e la determinazione soprattutto… 

Aver trovato L applicazione per gestirne uno direttamente dal telefono, mi ha fatto venire voglia di riprovarci . 

Meglio un blog dei social network , li trovo più impegnativi, e meno scontati. 

E soprattutto sono decisamente qualcosa di ‘tuo’ 

Ecco da oggi ci riprovo! Con costanza e passione …  e lasciando indietro ciò che è vecchio per iniziare qualcosa di nuovo! 

Genitori allo sbaraglio

Sembra un titolo divertente… e invece non lo è…

Leggo quasi tutti i giorni…di padri e madri che uccidono i loro figli….

Ma come si fa a commettere un’azione del genere…perchè accade ciò?

COSA PROVANO IN QUEL DETERMINATO MOMENTO? QUALE FORZA SI IMPOSSESSA DI LORO?

Non venitemi a raccontare che è la disperazione…non me la bevo…

Siamo stati tutti disperati….separazioni….affidamenti….figli ribelli….

Ma da li a decidere di uccidere un figlio ne passa di acqua sotto i ponti…

Non sono un giudice, non sono dio….

Sono solo io…ma nel mio piccolo….io quei genitori non li perdono!

Annunci

preferenze

ad un certo punto ti accorgi, che per sopravvivere devi acculturarti…
non hai scelta…non hai nessuna scelta.
per vincere devi distruggere, e devi farlo con la cultura.
la gente ignorante se vince lo fa con cattiveria.  lo fa mettendo zizzania.
dice e non dice.
spero di aver chiarito questa cosa ai miei figli.
forse sono piccoli, e ancora non lo capiscono.
io l’ho compreso negli anni. e mi sono resa conto, che la gente che poco sa, di poco parla. e sempre delle stesse cose.
grazie a dio ho loro che studiano, rispolvero gli archivi della mia memoria…e mi informo.
tenetemi viva e informata voi, curiosa del sapere , affamata di notizie.
grazie bambini per un’altra lezione di vita!

image

Confini.

Bisognerebbe a volte restare al posto dove veniamo messi, ma sfortunatamente, le persone non la comprendono questa cosa…

Entrano a gamba tesa all’interno della tua zona confort…non curanti dei tuoi spazi e dei tuoi limiti.

Convinti che anche tu voglia cosa vogliono loro.

Allora chiariamo a noi stessi i confini…e poi chiariamoli anche alle altre persone.

Oltre questa linea non si passa!

PESCI ROSSI

Ho un pesce rosso….da 3 anni, convive con noi… diciamo che non pensavo un pesce rosso potesse vivere così a lungo.

Mi piace però…mi guarda, mi osserva, quando ha fame si avvicina al vetro della vaschetta, e mi cerca, mi fa capire che in quel momento lui vuole qualcosa.

Ho sempre pensato fossero animali ‘inutili’ invece mi stupisco di fronte al mio pesce rosso…si chiama Venerdì….perchè ho il gatto che si chiama Giovedì, é per non sbagliarci che siamo rimasti sulla stessa linea, per ciò che riguarda i nomi.

Sono arrivati insieme gatto e pesce. Era settembre di 3 anni fa…

Era tutto così diverso tre anni fa…

Ad oggi ho la casa che è sottosopra…ho fatto dei lavori…

Mi chiedo se il pesce si rende conto del casino che c’è…

Lavo i piatti, lui mi fissa…capisco che ha fame…

Non sono stupidi questi pesci rossi però ….

Gio Evan

Allora…artista completo, almeno dal mio punto di vista.

Leggo….ascolto…

Mi piace….

Grazie per ciò che un artista può trasmettere…..

Mi addormenterò ascoltandoti e leggendoti.

Speriamo i miei sogni siano meglio dei precedenti.

Piccoli racconti…

Ho promesso che non avrei raccontato questa storia, ma mi ha reso pazza, e non posso non farlo.

Mi hanno narrato di una casa molto particolare, in cui si regala amore, coccole e desideri sessuali. Non si sa di preciso in che forma e in che maniera.

Ma lì, in quella casa, c’è un via vai continuo di persone….

gente che sale , gente che scende….chissà cosa cercano sul serio.

Chissà cosa quelle belle ragazze danno a questi uomini che per un’ora pagano chissà quale cifra.

Ogni tanto, entrambe le parti dovrebbero fermarsi e riflettere, ma so di certo, che in alcuni casi si va alla ricerca di ciò che non si ha.

Si pagano attimi di godimento, attimi di carezze, a volte attimi di sesso estremo.

Ma forse alcune volte quelle persone hanno voglia di essere ascoltati, perchè forse a casa una moglie che li ascolta non c’è…

Queste mogli prese troppo dal loro lavoro, dai loro figli, dal tenere in ordine una casa, da tenere in piedi un matrimonio, a tutti i costi.

Mogli che a volte annoiano…con le loro troppe richieste.

Se queste mogli pensassero un pò meno, si preoccupassero un pò meno. Questi mariti, a volte cercano un pò di serenità….

come è difficile la vita di coppia…

non so perchè sia così complicato.

Però nel male, un grazie a quelle ragazze della scala B dobbiamo dirlo….. quelle ragazze, che fanno svagare … forse ragazzine….forse signore…. forse semplici donne, che un amore ancora non lo hanno trovato.

Grazie….perchè regalate attimi…. a pagamento….però è pur sempre tempo che dedicate.